Agricoltura Green 2024 - Camera di commercio della Maremma e del Tirreno

Descrizione

Il "Bando Agricoltura Green - Anno 2024" è promosso dalla Camera di commercio della Maremma e del Tirreno con l'obiettivo di supportare finanziariamente l'implementazione di nuove attrezzature e soluzioni green e digitali nel settore agricolo e nelle filiere agroalimentari tradizionali. Il bando mira a favorire la transizione ecologica e lo sviluppo economico sostenibile attraverso investimenti in attrezzature per coltivazioni, allevamenti, conservazione, trasformazione e valorizzazione dei prodotti agricoli e agroalimentari, riducendo l'impatto ambientale.

Il contributo massimo richiedibile è di 30.000 euro, con una ritenuta d'acconto del 4%. In caso di insufficienza delle risorse, il contributo dell'ultima impresa ammessa sarà ridotto proporzionalmente. La Camera di commercio si riserva la facoltà di rifinanziare, riaprire o chiudere il bando in base alla disponibilità delle risorse.

Soggetti Beneficiari

I beneficiari del presente Bando sono le micro, piccole e medie imprese, loro cooperative e consorzi, che operino nel settore dell’agricoltura con i seguenti codici ATECO: A01 – Coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali; A02 – Silvicoltura ed utilizzo di aree forestali. I beneficiari devono avere sede legale e/o un’unità operativa nella provincia di Livorno o Grosseto e devono essere regolarmente iscritti al Registro delle imprese o al Repertorio Economico Amministrativo (REA) della C.C.I.A.A della Maremma e Tirreno.

Spese ammissibili

Le spese ammissibili includono investimenti in attrezzature specifiche per la riduzione della dispersione dei prodotti fitosanitari, distribuzione di prodotti fitosanitari certificati CE, diserbo meccanico, ottimizzazione di prodotti fitosanitari, agricoltura di precisione, attrezzatura o strumentazioni per apicoltura, risparmio energetico, smaltimento eternit, stoccaggio antiparassitari, interventi per la zootecnia e l'attività olivicola/frutticola, e ottimizzazione della risorsa idrica. Le spese devono essere comprovate da documenti fiscali validi e pagate dall'impresa richiedente senza l'uso di contanti. Le spese devono essere documentate con fatture redatte in lingua italiana o con traduzione giurata se in lingua straniera. Le attività rendicontate devono essere realizzate nell'anno 2024 e concluse al momento della presentazione della domanda.

Il contributo sarà pari al 50% delle spese sostenute e ritenute ammissibili (al netto di IVA) fino ad un massimo di € 3.000. Nel caso di investimenti effettuati da imprese agricole con produzione certificata DOP/IGP oppure che producono con il metodo biologico, il voucher sarà a copertura del 70% di tali spese, fino ad un massimo di € 4.000. L'investimento minimo ammissibile al contributo è di € 1.000 (al netto di IVA).

Scadenza

Il termine per la presentazione della domanda è fissato per il 29/11/2024 salvo chiusura anticipata per esaurimento risorse

Specifiche